info@circolodegliscipioni.org
Log in

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

IL NOSTRO BLOG

CONTRIBUTO PER UN PROGRAMMA DI POLITICA ECONOMICA DI SINISTRA ANTILIBERISTA E DI RIFORMISMO ANTICAPITALISTA: IL PRIMO PUNTO FERMO Featured

  • https://www.facebook.com/groups/136502669790482/
Emma Bonino, prima delle elezioni di marzo 2018, ha criticato “Liberi ed Eguali con Grasso” per una politica economica che vorrebbe ritardare la modernizzazione del Paese ingessando il mercato del lavoro in virtù del ripristino del divieto di licenziamento ingiustificato di cui all’art. 18 Statuto dei Lavoratori abolito dal “Job Act”, e aggravando i conti pubblici con un regime più oneroso delle pensioni tornando indietro rispetto alla legge “Fornero”. Commenti analoghi sono rilasciati da tutti i rappresentanti del moderatismo italiano. Sergio Fabbrini, sul “Sole 24Ore”, è andato oltre ed ha accomunato il programma di Leu a quello dei sovranisti populisti e nazionalisti, e questa è un’opinione, da rispettare certamente, ma che non merita commento. Il programma economico di Leu è stato elaborato da valenti economisti tra cui Vincenzo Visco ed è stato criticato per eccesso di spesa pubblica, cui i redattori hanno risposto in modo convincente. Ma occorre un salto in avanti: il problema del debito pubblico non può essere eluso: ed infatti, anche un’impresa privata non può avere debiti superiori al fatturato. Gli interessi erodono gli utili ed intaccano il patrimonio. Il Giappone e l’America hanno un livello di indebitamento superiore ma lo sviluppo economico della seconda e l’intervento del sistema bancario del primo rendono la situazione tollerabile. Nell’81, con la separazione tra Tesoro e Banca d’Italia, è venuto meno l’obbligo di Banca d’Italia e per essa del sistema bancario di sottoscrivere i titoli del debito pubblico: ciò al fine di liberare il sistema bancario da oneri impropri e per spingere lo Stato a ridurre il proprio debito pubblico privato della ciambella di salvataggio (nello stesso periodo, lo “staff” di Reagan esprimeva lo stesso concetto in modo molto efficace e rude “bisogna affamare la bestia”): le cose non sono andate così e il rapporto, allora al 60% ,è ora arrivato ai livelli iperbolici di adesso. Il debito pubblico è ora essenzialmente determinato dagli interessi mentre è diminuita fortemente la componente sociale. La “bestia” non è stata affamata ma sono stati affamati i soggetti deboli. Inoltre, lo Stato ha perso il controllo del debito pubblico, della spesa pubblica e della politica economica, visto che le aste del debito sono in mano alle grandi banche d’affari internazionali. Le banche italiane sono state sì liberate dell’obbligo, ma nel contempo hanno perso autonomia rispetto alle grandi banche internazionali ed hanno visto compromesso lo spazio dell’attività ordinaria in crediti, in modo che la solidità è diventata appannaggio solo delle grandi banche che possano permettersi finanza speculativa. Il divorzio ha leso il debito pubblico e la politica economica, il che era un obiettivo dichiarato, ma anche il settore bancario e finanziario, il che alla fine rivela un’eterogenesi parziale e negativa dei fini. Per completezza, le stesse banche, quando possono sostengono il debito pubblico ma solo se il Governo è prono al valore della finanza internazionale, non quando si ribella come adesso. Che il debito pubblico sia una questione in cui l’aspetto decisivo è rappresentato da profili non di tecnica economica ma di rapporti di forza economici supportati dalla politica è così evidente. Ma non per questo si può trascurare come dietro i rapporti di forza vi sia un nodo squisitamente economico. Ed infatti, il problema dei conti pubblici in estremo disavanzo rivela la presenza di un disordine economico interno che va risolto. I controlli di efficienza dei mezzi e di eliminazione degli sperperi sono necessari. La spesa sociale, pensionistica e sanitaria e dei servizi pubblici essenziali deve avere dei meccanismi di razionalizzazione essenziali che sono mancati nel passato. In seconda battuta, occorre affrontare il problema di un profondo cambiamento di sistema, la cui soluzione presuppone la ripresa di autonomia della politica economica e del sistema bancario, con l’emarginazione delle grandi banche d’affari internazionali . Infine, occorre scontare una parte consistente del debito pubblico dovuta al comportamento illecito delle grandi banche d’affari internazionali: si tratta di parte consistente, 30/40%, che va abbattuta a carico di queste. Quest’ultima proposta appare senz’altro, almeno “prima facie”, impossibile da realizzare. Ma di fronte ad una vera e forte protesta popolare che rivendichi il proprio diritto all’autodeterminazione la penalizzazione delle grandi banche d’affari internazionali per i loro illeciti non si rivela così velleitaria. Pertanto, è fondamentale che tale ultima proposta sia la fase terminale di un progetto nel quale ci siano anche le prime due proposte. La penalizzazione delle grandi banche d’affari internazionali per i loro illeciti diventa così la risultante di un processo in cui la spesa pubblica viene razionalizzata e lo Stato riprende il controllo sia della propria politica economica e del debito pubblico sia il controllo delle proprie banche interne. Con il nuovo approccio, non si trascura il nodo i rapporti di forza economici ed il ruolo della politica, ma lo si presenta quale aspetto terminale di un nuovo approccio economico che ponga al centro l’efficienza, liberandola dal dominio letale del grande capitale. Mentre, nel capitale finanziario, i rapporti di forza piegano l’economia al servizio del grande capitale, con distruzione di valore sia in campo pubblico sia in campo privato, ivi compreso quello bancario, solo con un vero riformismo socialista -che non abdichi alla lotta di classe come invece fece la socialdemocrazia nel secondo dopoguerra con il bel risultato di presentarsi poi disarmata quando scomparve la minaccia del socialismo reale-, i rapporti di forza sono a garanzia di una vera efficienza economica che produca, in modo razionale e sociale, valore, e non lo distrugga. Sul come inserire in tale approccio la rielaborazione della teoria marxiana del valore, non si può, per il momento, che parafrasare “Kypling”, “That’s another story”.
Login to post comments