info@circolodegliscipioni.org
Log in

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Il Programma Riformista Featured

1)introdurre vincoli anti-speculazione e anti-delocalizzazione, tassare le rivendite di titoli in rapporto al tempo intercorrente tra acquisto e rivendita, vietare il credito alle operazioni di borsa e dichiarare la nullità dei derivati speculativi;

2)congelare il debito pubblico detenuto in tranches superiori a € 1 mln e convertire il restante in titoli indicizzati a basso interesse attivo e garantiti dallo stato;

3)revocare tutte le dismissioni pubbliche praticate a prezzi inferiori al 30% del prezzo di mercato e nazionalizzare almeno la telefonia, le assicurazioni RCA, le utenze e i settori strategici, insieme all’ingrosso agroalimentare (onde calmierare i relativi prezzi all’ingrosso), nonché introdurre i prezzi massimi per i beni di fascia sociale;

 

4)invertire l’aliquota fiscale dei Redditi da Capitale rispetto ai Redditi da impresa e dimezzare l’aliquota sui Redditi da lavoro fino a € 50.000 annui, nonchè riformare in senso sociale la qualità della spesa pubblica;

5)recuperare progressivamente il potere di acquisto perduto da retribuzioni e pensioni per effetto della sottostima ufficiale dell’inflazione e introdurre la settimana di 30 ore su 5 giorni per i lavoratori delle imprese oltre 50 dipendenti;

6)introdurre l’equo canone sulla “mano morta” di istituzioni e imprese finanziarie;

7)vietare il lavoro nero, consentire il precariato solo in casi eccezionali, abbassare l’età pensionabile e introdurre sia il salario minimo garantito che un part-time obbligatorio per chiunque, cittadino o straniero, non sia in grado di dimostrare adeguati mezzi propri, da prestare per costituende agenzie pubbliche e contro retribuzione;

8)fiscalizzare il 50% dei mutui-casa e dei debiti verso banche delle imprese nazionali;

9)elevare la riserva obbligatoria delle banche private al 100% dei depositi e vietare loro il “reflusso bancario”, nonché nazionalizzare la banca d’Italia e le varie banche centrali, creando adeguati poli bancari pubblici che eroghino a calmiere i servizi di cassa e credito di esercizio per le imprese e presso cui collocare elettronicamente i vari debiti pubblici;

10)introdurre la trasparenza e la meritocrazia nella Pubblica Amministrazione e potenziare le imprese pubbliche economiche;

11)varare un vasto piano di “piccole” e “grandi” opere pubbliche finanziato con debito pubblico “collocato elettronicamente” presso i singoli costituendi poli bancari pubblici;

12)svalutare periodicamente l’euro in armonia con l’eventuale differenziale di inflazione;

13)comprimere lealmente la criminalità sia spicciola che organizzata e la corruzione politica, introducendo altresì adeguati meccanismi meritocratici nella Pubblica Amministrazione;

14)riformare in senso democratico i media potenziando i media pubblici e  introducendo un contributo statale al  prezzo di vendita della stampa e degli audiovisivi privati, nonchè calmierando l’uso della pubblicità e di qualsiasi altro mezzo di finanziamento occulto;

15)rescindere il legame perverso che lega i partiti ai gruppi finanziari.

Un programma sociale cui chiamare gli altri paesi della UE interessati  costruire una Europa “dei popoli” in cui viene promossa la espansione trainata dalla Domanda interna in regime di inflazione “controllata”, regime vincolistico di borsa ed Export-Import ed euro “debole”. Nell’attesa, introdurre a lato dell’euro una seconda Moneta ad uso esclusivamente interno e con cui esprimere il debito pubblico ed effettuare i pagamenti da e allo stato.

More in this category: « Chi Siamo e perchè

11 comments

  • Comment Link Maddison Sunday, 09 April 2017 11:26 posted by Maddison

    Great web site you have got here.. It's hard to find good quality writing like yours these days.
    I seriously appreciate people like you! Take care!!

Login to post comments